[LIBRO] STARDUST – Neil Gaiman

Stardust è un romanzo fantasy dell’autore e fumettista britannico Neil Gaiman, uscito per la prima volta nel 1999 e la cui prima edizione italiana risale al 2005, da cui è stato tratto un film nel 2007 per la regia di Matthew Vaughn.

Staedusr – Neil Gaiman

TITOLO: Stardust

AUTORE: Neil Gaiman

LINGUA: inglese

PRIMA EDIZIONE INGLESE: 1999

PRIMA EDIZIONE ITALIANA: 2005

TRASPOSIZIONI CINEMATOGRAFICHE: 2007

TRAMA. Il protagonista è un giovanotto impacciato di nome Tristan Thorn che parte all’avventura con l’intenzione di conquistare la ragazza di cui si è innamorato, una giovane molto carina e altezzosa che non fa altro che prendersi gioco di lui e della sua goffaggine. Appena lasciato il villaggio di Wall, nel quale Tristan vive, il nostro protagonista si avventura nel magico mondo di Faerie dove fa il suo primo incontro con una creatura misteriosa la quale, per ripagarlo di avergli salvato la vita, gli dona degli abiti nuovi di zecca, una catenella d’argento e una candela, che gli permetterà di attraversare ampie distanze in breve tempo. Sarà proprio grazie a questa che raggiungerà in breve tempo la stella, che scoprirà essere una donna di nome Yvaine che, cadendo, si è rotta una gamba: sebbene in un primo momento la giovane troverà profondamente antipatico il ragazzo, ben presto i due si innamoreranno e questo porterà Tristan, che nel frattempo scoprirà di essere l’ultimo erede maschio in vita del Regno di Stormhold, a lasciare definitivamente il villaggio di Wall e a sposarsi con la stella, diventando il nuovo Re di Stormhold.

CONSIDERAZIONI PERSONALI. Ho scoperto l’esistenza del libro di Gaiman solo recentemente: avevo visto il film parecchio tempo fa e mi era piaciuto, ma non sapevo fosse stato tratto da un’opera del famoso autore e fumettista britannico, ammetto però che il libro un po’ mi ha delusa: innanzi tutto me lo immaginavo più “corposo” e approfondito, articolato. L’autore accenna solo il viaggio che intraprende il giovane protagonista, non ne descrive nel dettaglio le avventure (che abbozza solamente) così come non approfondisce il suo rapporto con la stella, non spiegando l’evoluzione da conflittuale a sentimentale e di come Tristan abbia perso interesse in Victoria, per la quale alla fine ha lasciato tutto per avventurarsi in un mondo a lui completamente sconosciuto e potenzialmente pericoloso. E lo stesso problema si riscontra per i protagonisti, che vengono appena abbozzati e non sono oggetto di una crescita percepibile e giustificata all’interno del racconto, in negativo o in positivo che sia.

Nel complesso, quindi, non posso dire che il libro in sé mi sia completamente piaciuto: carina l’idea, le cui potenzialità però sono state mal sfruttate da Gaiman, che ha sfornato un prodotto fin troppo “semplice” per i miei gusti, lasciandomi con l’amaro in bocca. Ciò non toglie, comunque, che in futuro io non possa leggere altri scritti dell’autore, che trovo comunque molto intrigante.

Published by Chiara Saroglia

Classe '95, torinese e torinista, laureata in Beni Culturali e studentessa di Scienze Storiche e presso la Scuola dell'Archivio di Stato, sin da bambina è affascinata dalla lettura, dal fantasy e dalla fantascienza. Anche lettrice di romanzi storici e di saggistica, vaga per il mondo alla costante ricerca di qualcosa che la soddisfi.

16 thoughts on “[LIBRO] STARDUST – Neil Gaiman

  1. Devo ammette che questo libro non ho ancora avuto modo di leggerlo, anche se conosco l’autore e mi piace molto. Aspetto di smaltire la già numerosa lista di libri che ho già comprato e poi lo prenderò.

    Liked by 1 person

  2. Neil Gaiman in automatico penso a Miti del Nord, un libro che mi é piaciuto veramente tanto, questo però confesso che non lo conoscevo. ti farò sapere cosa ne penso.

    Liked by 1 person

  3. Ogni tanto è bello conoscere titoli o autori nuovi, da far entrare nella lista delle probabili letture, conosco l’autore di fama di suo non ho letto nulla, magari rimedio grazie per aver condiviso con noi questo libro.

    Liked by 1 person

  4. Ciao!
    Ottimo articolo, francamente mi trovi d’accordo con la tua analisi: Stardust è una idea molto bella e attraente, il problema è che viene sviluppata molto male.
    Manca di spessore in tutti i sensi, sia nelle vicende narrate che nella profondità dei rapporti e della composizione dei character.
    Sotto certi punti di vista, a volte tra l’altro il romanzo pecca pure di prevedibilità.
    In ogni caso volevo dirti questo: dai un’altra speranza a Neil Gaiman, è un autore che merita, e ti consiglio se non l’hai già letto American Gods.
    Sul mio blog gli ho dedicato una o due analisi!
    Ciao, complimenti per l’articolo! 😉

    Liked by 1 person

    1. Ciao! Sicuramente è mia intenzione dare altre speranze a Gaiman in futuro, American Gods è sulla mia lista di lettura e futuri acquisti! E non solo quello, ovviamente! Grazie per il commento, controllerò sul tuo sito ;]

      Liked by 1 person

    1. Anche io non sapevo esistesse il libro, avendo visto il film e credendo fosse un prodotto “originale” per il grande e piccolo schermo. Solo recentemente mi sono resa conto che Gaiman era l’autore del libro da cui era stato tratto il film (che anche io avevo apprezzato moltissimo).

      Ammetto, però, che il libro mi ha lasciata un po’ delusa.

      Like

  5. Non conoscevo il romanzo ma adoro il genere. Considerando il tuo articolo e sapendo quanto sei precisa nei tuoi commenti leggerò il libro per dargli comunque una chance ma grazie davvero per le indicazioni!!

    Liked by 1 person

  6. Neil Gaiman é un autore che mi piace molto, ma ti confesso che questo libro non l’ho ancora preso. Lo leggerò e poi ti farò sapere se concordo con la tua analisi, intanto grazie per avermelo fatto scoprire.

    Liked by 2 people

  7. Credo che in un libro sia importante descrivere e non solo abbozzare i caratteri dei personaggi ed i loro i viaggi. Peccato che in “Stardust” manchino questi elementi visto che il soggetto è carino e anche il film è piacevole.
    Maria Domenica

    Liked by 2 people

  8. Non ho letto il libro, ma ammetto d’aver apprezzato molto il film e la storia di base. Lui però lo apprezzo seppur “American Gods” non mi è piaciuto molto, ma di più “Coraline”. Sicuramente mi è piaciuto ne “La crociata dei bambini” che è un fumetto davvero da recuperare!

    Liked by 2 people

  9. Tendenzialmente classificato come libro per bambini, io lo vedo più come una fiaba, ma per adulti. Lo stile di Gaiman è molto limpido e fluido, il libro si divora e scorre benissimo. È molto leggero, ma con una morale profonda: non sempre quello che credi di desiderare davvero è ciò che il tuo cuore vuole, solo durante il viaggio per esaudire il tuo desiderio scopri cosa è giusto per te, facendo del bene ed evitando il male.
    Il libro mi è piaciuto, ha solo il grande difetto di essere troppo corto. Capisco anche perché: l’autore ha voluto scrivere un libro che sia adatto a grandi e piccini, ma con l’impronta di una fiaba, se il libro fosse stato troppo lungo sarebbe diventato un romanzo, e per i ragazzi non avrebbe avuto attrattiva.
    Direi che può andare bene così, come assaggio iniziale.

    Liked by 2 people

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Create your website with WordPress.com
Get started
%d bloggers like this: